LA VERA SFIDA TRA GALLIANI E FASSONE E’ IL RINNOVO DI DONNARUMMA: BALLANO 150 MILIONI DI EURO

Gigio Donnarumma è il futuro portiere dei prossimi 20 anni della Nazionale italiana. A meno che non si bruci da solo, i mezzi tecnici e fisici li ha: da molti viene paragonato a Buffon ma c’è qualcosa che Gigio ha in più. Para i rigori: già 4 in una stagione di A contro i 19 in 17 stagioni di Nonno Gigi. Più quello di Doha a Dybala.Donnarumma-su-Dybala-rigore-Supercoppa

Il merito di averlo in rosa nel Milan è di Galliani: il grande merito di averlo reso un titolare in Serie A è di Sinisa Mihajlovic che, contro la volontà di Galliani, lo mise titolare al posto di Diego Lopez: portiere a cui il Condor aveva concesso 4,5 milioni di euro a stagione. Insomma il Milan si è trovato un tesoro in mano, e ora “i cinesi” rischiano di farselo fregare: perché Minone Raiola ha fiutato il bottino, e la sua strategia di aspettare il closing (se mai si farà) è uno stratagemma per guadagnare tempo e guadagnare sempre più centimentri di manico del coltello, che comunque ha in mano lui.

REP DONNA

Questo perché Donnarumma il 25 febbraio compirà 18 anni: questa è la data che più del 3 maizo deve interessare alla nuova (se esiste) cordata che vuole rilevare la proprietà del Milan. Gigio può valere tanto, il suo cartellino potrebbe arrivare a poter costare fino a 50 milioni di euro, l’affare potrebbe essere da 150 milioni di euro. Perderlo sarebbe un dramma economico per questa società, ma che biglietto da visita sarebbe per i fantomatici “cinesi” di cui – a parte Fassone e Mirabelli (sic) – nessuno conosce volti e intenzioni? Pessimo.

mamamdmdamd

A fine anno c’è stata una guerra mediatica in cui i #gallianers sono riusciti a far passare il messaggio per cui la figura di Adriano Galliani sia fondamentale per non perdere Donnarumma a zero. In quel periodo un curioso alleato mediatico di AG è stato clamorosamente Beppe Marotta, che davanti ai giornalisti in Lega Calcio ha detto che la Juve avrebbe mantenuto per tradizione il portiere della Nazionale. Un bell’assist, che ha scatenato i tifosi rossoneri: indiavolati all’idea di farsi scippare pure Donnarumma dopo Pirlo e Tevez. 

e91ce3f8980b6e44c6c28038c90e3018_169_l

Il problema è che Mino Raiola è uno che è risucito a fregare Sir Alex Ferguson e il Manchester United con Pogba, e molti operatori di mercato pensano che Minone farà un sol boccone di Fassone e Mirabelli. Due brave persone che però a grandi livelli non hanno mai fatto operazioni di mercato così ardite. Anzi, se il futuro direttore sportivo a grandi livelli lo dobbiamo ancora vedere, nel curriculum di  Fassone ci sono i 40 milioni per Kondogbia fatti spendere all’Inter.

 

ALLEGRI HA FATTO CAPIRE CHE DOPO POGBA LA JUVE CEDERA’ DYBALA: MA COSTA 100 MILIONI DI EURO

Da giugno Dybala andrà a giocare al Real Madrid o al Barcellona, a maggior ragione se rinnoverà il suo contratto con la Juve entro la fine di Gennaio. A mettere il bollo di ceralacca su questa faccenda è l’allenatore con cui ‘U Picciriddu è diventato grande: Massimiliano Allegri.

c1cdhzpxuaaj6yf

Su Marca già venerdì c’era un’intervista in cui Sacchi consigliava il “nuovo Messi” a Florentino Perez. I tifosi della Juve non l’hanno affatto presa bene, perché se possono capire l’affare Pogba (72 alla Juve e 25 Raiola) restano interdetti di fronte a un giovane acquistato a 40 milioni nell’estate 2015. E’ da club che punta alla Champions privarsi di uno come Dybala? Si domandano tra loro loggionisti e curvaioli dello JStadium nelle pazze chat di wazzappp di cui fanno parte.

allegri-doha

Ieri Dybala ha segnato su rigoreun rigorino – ma Allegri non ha guardato e in conferenza ha dato un pugno nello stomaco ai tifosi juventini: “Sapevo che avrebbe segnato mentre a Doha sapevo che avrebbe sbagliato. Il motivo? Ve lo dirò a fine campionato”.