PUTIFERIO IN CASA INTER, IL CASO SUL RINNOVO DI ICARDI HA DEFINITIVAMENTE ROTTO GLI EQUILIBRI: A RISCHIO LA CHAMPIONS E PURE SPALLETTI

Icardi non è il problema dell’Inter, ma il comportamento della sua moglie/procuratrice ha scatenato il putiferio nello spogliatoio interista: portando alla definitiva spaccatura tra i Wanditos e l’Interic. Ora anche il quarto posto è in discussione.


Da un mese a questa parte Wandissima ha catalizzato l’attenzione mediatica, ha chiesto 10 milioni come Higuain in tv, si scatena in bianconero sui social e costringe Mauro Icardi a scrivere su instagram che sarà sempre lei e solo lei a rappresentarlo.

Ausilio parla di lei come quella che fa cinepanettoni, in realtà i guai che combina wuanda non fanno ridere neanche il pubblico scarsamente scolarizzato dei film di Natale alla Boldi e De Sica. Da quando ha cominciato questa “guerra” sul rinnovo lo spogliatoio di Appiano è una polveriera.Perisic ha chiesto la cessione e non vuole più giocare, Brozovic lo segue, Nainggolan vuole “rompere il culo” agli interisti. Miranda e Candreva sono in lista partenze ma, soprattutto l’italiano, non ha voglia di andare in Cina per fare la pedina di scambio con Carrasco. Ha da poco avuto una figlia e la sua compagna ieri ha spiegato che out, dovrebbe andare qualcun altro: Lucianone Spalletti, per esempio.

Anche il “profeta di Certaldo” non è più tanto certo di restare in sella nella prossima stagione. L’arrivo di Marotta ha spianato la strada alle fantasie su Antonio Conte, uomo che nell’immaginario interista sarebbe l’unico capace di poter competere per lo Scudetto con la Juve.

I più ottimisti dicono che con Godin, Icardi e Conte il tricolore è assicurato. Siamo sicuri che Icardino e la moglie da Milano non si muoverebbero mai, ma è altrattanto certo che Godin e Conte verranno a Milano anche senza Champions? Questa però resta la scelta di Zhang: con Mancini l’Inter era in testa ma, prima della partita con la Lazio del 20 dicembre 2014 si decise di risschiare la qualificazione in Champions pur di far giocare Icardi titolare.

Ovviamente quell’Inter non centrò la Champions, probabilmente la stessa cosa che farà questa: con goduria di Milanisti e romanisti. E non dite che non ve l’avevamo detto

UN ANNO DI MANCIO: VINCE PURE CON LA DIFESA A 3 E HA LA SQUADRA IN PUGNO

Riproporre lo stesso modulo della debacle di San Siro contro la Fiorentina sembrava un azzardo. Ma non a Mancini e alla sua Inter che col 3-5-2 (e anche a un po’ di fortuna) è riuscita a battere il Torino di Ventura, collezionando il settimo 1-0 in 12 gare di campionato. La legge del calcio è chiara, e cioè: chi vince ha ragione. Mancini aveva rischiato con la Roma tenendo Icardi in panchina per 90′ ma era uscito con 3 punti fondamentali. E l’ennesimo cambio di modulo dell’allenatore e la conseguente scelta degli 11 titolari ha fatto storcere il naso ai più anche oggi. A cominciare dalla scelta di proporre Palacio in coppia con Icardi, sacrificando così Jovetic, Ljajic e Perisic: che a differenza del montenegrino però entrano in corso. Le scelte curiose ci sono anche nella difesa a tre con Juan Jesus a completare il solidissimo muro Miranda-Murillo. Sulle fasce confermati per la seconda gara consecutiva D’Ambrosio e Nagatomo, essenziali nei cambi di gioco di Ventura. Ma la vera sorpresa della partita è il gol di Kondogbia, il primo in Serie A. Dopo le tante critiche basate soprattutto sul rapporto qualità-prezzo, il francese inizia a ripagare la fiducia del suo allenatore segnando una rete importantissima per le sorti del campionato. Chi parla di fortuna dopo 12 partite nasconde tutti gli altri enormi meriti di questa squadra, nella quale Mancini cambia gli interpreti non perdendo la mentalità vincente: dimostrando che tutti si sentono parte di un progetto, di una squadra.