PUTIFERIO IN CASA INTER, IL CASO SUL RINNOVO DI ICARDI HA DEFINITIVAMENTE ROTTO GLI EQUILIBRI: A RISCHIO LA CHAMPIONS E PURE SPALLETTI

Icardi non è il problema dell’Inter, ma il comportamento della sua moglie/procuratrice ha scatenato il putiferio nello spogliatoio interista: portando alla definitiva spaccatura tra i Wanditos e l’Interic. Ora anche il quarto posto è in discussione.


Da un mese a questa parte Wandissima ha catalizzato l’attenzione mediatica, ha chiesto 10 milioni come Higuain in tv, si scatena in bianconero sui social e costringe Mauro Icardi a scrivere su instagram che sarà sempre lei e solo lei a rappresentarlo.

Ausilio parla di lei come quella che fa cinepanettoni, in realtà i guai che combina wuanda non fanno ridere neanche il pubblico scarsamente scolarizzato dei film di Natale alla Boldi e De Sica. Da quando ha cominciato questa “guerra” sul rinnovo lo spogliatoio di Appiano è una polveriera.Perisic ha chiesto la cessione e non vuole più giocare, Brozovic lo segue, Nainggolan vuole “rompere il culo” agli interisti. Miranda e Candreva sono in lista partenze ma, soprattutto l’italiano, non ha voglia di andare in Cina per fare la pedina di scambio con Carrasco. Ha da poco avuto una figlia e la sua compagna ieri ha spiegato che out, dovrebbe andare qualcun altro: Lucianone Spalletti, per esempio.

Anche il “profeta di Certaldo” non è più tanto certo di restare in sella nella prossima stagione. L’arrivo di Marotta ha spianato la strada alle fantasie su Antonio Conte, uomo che nell’immaginario interista sarebbe l’unico capace di poter competere per lo Scudetto con la Juve.

I più ottimisti dicono che con Godin, Icardi e Conte il tricolore è assicurato. Siamo sicuri che Icardino e la moglie da Milano non si muoverebbero mai, ma è altrattanto certo che Godin e Conte verranno a Milano anche senza Champions? Questa però resta la scelta di Zhang: con Mancini l’Inter era in testa ma, prima della partita con la Lazio del 20 dicembre 2014 si decise di risschiare la qualificazione in Champions pur di far giocare Icardi titolare.

Ovviamente quell’Inter non centrò la Champions, probabilmente la stessa cosa che farà questa: con goduria di Milanisti e romanisti. E non dite che non ve l’avevamo detto

PROBLEMA ICARDI: WANDA VUOLE 10 MILIONI ALL’ANNO MA COL NINJA SERVE MENO E LAUTARO E MIRANDA GLI SEGNANO IN FACCIA

La questione è aperta da anni: Mauro Icardi non è il problema dell’Inter ma il suo modo di interpretare il ruolo da capitano-prima punta-titolare fisso molto spesso, come dice Spalletti, frena la squadra e indispettisce gli altri protagonisti in nerazzurro come Perisic o Handanovic. Si dice “eh ma uno che fa i suoi gol”… e in realtà non ci si rende conto che senza maurito l’Inter segna e vince lo stesso. Un problema per lui visto che Wandissima vorrebbe per lui 10 milioni annui.

Ironia della sorte ieri il capitano dell’Inter si è visto battuto da un gol di Miranda: uno stacco di testa su calcio d’angolo, un gol alla maurito. Anzi no, nel senso che con la maglia della Selección el Canito non ha mai fatto centro. E dev’essere bruciato doppio perché non è un segreto che Joao sia riconosciuto da molti come il vero capitano e leader del gruppo, anche la moglie lo propose come Capitano con un tweet non apprezzatissimo da Miss Wuanda.

Poi c’è anche la questione tecnico-tattica perché Maurito è l’uomo immagine di Suning, che lo ha scelto a discapito della qualificazione Champions del 2016: lui deve giocare sempre, può non aiutare la squadra, deve essere l’unica punta e visto che “vuole parcheggiarsi” in area (lo ha detto Spalletti) ecco che vengono sacrificati gli altri.


Ora c’è anche Lautaro che scalpita: i gol e le prestazioni del Toro in Serie A e con l’Argentina (lui sì, Mauro…) hanno caricato suo padre, che spiega tra le righe come il modulo voluto da Icardi non sprigioni tutto il potenziale offensivo che il Ninja, Perisic e Martinez possono dare.

Sia chiaro, i numeri di Icardi sono oggettivi e concreti: ma il suo strepitoso gol da fuori area contro il Tottenham è un caso più unico che raro, visto che per trovare il gol precedente del marito di Wanda fuori dai 16 metri bisognava andare indietro di due anni… Ma si sà, i tifosi scordano tutto al primo gol e domenica sera c’è una gara speciale che può nuovamente rilanciare il capitano che lotta poco per la squadra: il derby contro Higuain: lui sì un argentino da 10 milioni a stagione, mormora l’acida uanda.

Noi sulla nostra pagina facebook avevamo lanciato un sondaggio dal quale risulta che il 49% dei nostri “amici” che hanno votato confondono il calcio con le instagram stories