BUFFON EGUAGLIA IL RECORD DI MALDINI: MA PAOLO HA LA FACCIA PULITA DI UN ALTRO CALCIO, GIGI E’ ANCHE QUELLO DEI FRUTTINI E CHE NON AVREBBE AVVISATO L’ARBITRO SUL GOL DI MUNTARI

Premessa: Gigi Buffon è un monumento del calcio italiano ed è entrato nella leggenda azzurra all’Olympiastadion di Berlino la notte del 9 luglio. L’Italia diventa Campione del Mondo e lui ne è un simbolo fiero e insuperabile, battuto solo da Capitan Cannavaro che quell’anno vinse il Pallone D’Oro.

Però poi l’immagine che abbiamo percepito di Buffon cambia: poche settimane dopo lo ritroveremo in Serie B sul campo del Rimini a raccogliere un pallone nella rete, numero uno di una Juventus che si rialza dalle macerie in tempo per  guardare l’Inter vincere il Triplete.

La Juve di Agnelli nasce sotto una nuova spinta e Gigi non è più il ragazzo simbolo dell’Italia: ma è un uomo cresciuto e incattivito, livoroso come i suoi supporter quando non solo vince uno Scudetto dopo un gol non convalidato, ma addirittura se ne vanta.Ma come? Ma che piacere c’è a vincere così? Nello sport vince il più forte, non il più furbo. Un campione del Mondo ridotto a fare il vago sui gol e a dire di non essersi accorto. Lui, portiere in Serie A, come avrà fatto a non vedere la palla oltre la linea di almeno 30 centimetri?

Continuando a parlare di calcio Buffon è quello che ha detto “meglio due feriti di un morto”. Oppure “in Italia si scansano, in Europa no”, spiegando in modo perfino ingeneroso per la sua società perché la Juve vinca solo in Italia.

Parlando solo di spogliatoio e campo Maldini è il simbolo di un altro calcio. Non solo perché per tutti i Maldini sono padre e figlio che alzano da capitani del Milan la Coppa dei Campioni. Ma anche perché non abbiamo mai visto Maldini con il numero 88 o con la scritta “BOIA CHI MOLLA” sulla maglia.

Per non parlare delle parole rivolte a Oliver, colpevole di aver fischiato un rigore per un fallo da rigore. Buffon non se la prese con l’autore del fallo Benatia. Se la prese con l’arbitro e cominciò a fare discorsi sulla sensibilità che un professionista a certi livelli deve avere per decidere cosa fare in partite del genere. Una dichiarazione che lascia aperto il campo a varie interpretazioni. Che volevi dire, Gigi? Hai visto altri arbitri in altre partite con una sensibilità diversa? Se sì ci dici quali?

E non vogliamo andare oltre. Non vogliamo ricordare altre vicende perché vogliamo parlare di calcio. Ma parlando di campo è evidente che per un portiere è più facile stabilire record di presenze rispetto a un terzino che fa vent’anni su e giù per la fascia. Per questo e per la sua immagine il record di 647 presenze in Serie A resta di Maldini, a Buffon quello dei portieri.

 

SPALLETTI VINCE IL DERBY CON ICARDI: MAURITO E’ DIFESO DA POCHI WANDITOS MENTRE LO SPOGLIATOIO E’ UNITISSIMO, E INVECE DEI CLAN SBOCCIA EL TORO MARTINEZ

Da ieri sera quelli più arrabbiati non sono i tifosi del Milan ma i fan di Icardi. Spalletti infatti ha dimostrato a loro, a Wanda e a suo maurito che l’Inter vince il derby anche senza di lui, e Nainggolan. Perché il collettivo è sempre più forte del singolo, specie se il singolo li provoca il giorno prima con una foto sui social in cui celebra solo se stesso.

La questione ora non è più se l’Inter può esistere senza Icardi, perché ora Spalletti è terzo e se la gioca. Ora la questione è perché c’è ancora qualcuno che difende El Canito?

E’ curioso osservare che gli ex giocatori sono tutti compatti nel dire che sta sbagliando solo lui: lo hanno detto Vieri, Cassano, Ferrara, Costacurta, Pirlo, Del Piero, Bergomi, Cambiasso. Ovviamente lo dicono anche Spalletti, Brozovic, Perisic, Handanovic, Ranocchia, Lautaro Martinez. E lo ha detto perfino Gattuso alla vigilia del derby.


Insomma il mondo del calcio spiega chiaramente che, anche di fronte a una scelta umiliante come quella di togliere la fascia a un capitano, il giocatore può dimostrare di essere un professionista allenandosi e lottando con i compagni. Perfino Cassano ha spiegato il calcio a Wanda. Ma gli altri niente, non ci sentono: per loro a Icardi tutto è sempre tutto concesso.


Ovviamente maurito non può giocare perché ha un dolore al ginocchio che lo sta tenendo fermo contro la sua volontà, sennò ieri sarebbe sicuramente almeno andato negli spogliatoi a complimentarsi con i compagni. E sui social ha aspettato tanto, forser perché ha visto che ci pensava Maxi Lopez su instagram a sostenere il trascinatore dell’Inter Perisic.

Ma il mistero di come si faccia a difendere uno che guadagna 5 milioni l’anno e che non va neanche a San Siro nella settimana del derby continua. Chi difende Icardi ha mai dato un calcio a un pallone, magari contro un muro, ha mai visto uno spogliatoio o semplicemente ha mai letto I tre moschettieri di Dumas e del loro motto “tutti per uno uno per tutti”? Evidentemente no.

Chi lo difende ha capito che il calcio è uno sport di squadra e perfino Maradona, Pelè, Messi e Cristiano hanno bisogno dei compani? Boh. Nel frattempo però venerdì l’atmosfera era stata scaldata da un retroscena de La Repubblica che diceva che all’Inter ci fosse una guerra tra bande.

A quel punto tutti a dire “l’avevo detto”, o “ecco avete visto?” o ancora “senza Mauro l’Inter è disunita!”, “Questa scelta ci fa perdere la Champions”. Senza capire che la Champions l’Inter l’ha messa a rischio nei due mesi passati a decidere cosa fare con Icardi, quelli dall’eliminazione in Champions alla vittoria di Parma. Lì la non gestione del caso Icardi ha rischiato di compromettere la stagione. Ora invece Spalletti almeno se la gioca.


Per farlo ha unito il gruppo prima di Parma: è questo che molti non hanno capito. Con la vittoria di Parma Spalletti e la squadra hanno avuto la forza di andare dalla società e di risolvere quel problema che da 5 anni attanagliava l’Inter, che in ogni stagione passava due mesi di crisi che gli icardiani bollavano come “calo inspiegabile, boh!”. Spalletti a Parma non dice alla società “rinnovate”. In spallettese dice la cosa si risolva “garba o non garba”.

Il gruppo ha fatto un patto per la Champions a tutti i costi, anche senza Icardi, giocatore che è il benvenuto nello spogliatoio anche oggi, ma che ormai è una riserva di Lautaro Martinez. El Toro in un mese da titolare ha dimostrato di fare gol e, soprattutto, di giocare per la squadra con una classe sopraffina che gli interisti non vedevano in un attaccante da decenni, e ora vale il doppio.

 

RINGHIO RISCHIA DI SALTARE COME UN TAPPO DI BOTTIGLIA: SI GIOCA IL MILAN NELLE PROSSIME TRE GARE

“Non è mai stato l’allenatore adatto all’idea di calcio di Leonardo“, si sente mormorare se ci si avvicina a Casa Milan: ma col derby perso senza giocarlo, l’aria su Ringhio si è fatta più pesante e la sensazione è che entro la prossima pausa per le Nazionali verrà esonerato.

Lui sbaglia perché schiera il Milan costruito da Fassone e Mirabelli più Higuain, per dimostrare a tutti voi criticoni che in realtà Mirabelli (che lo ha portato al Milan) il DS lo sapeva fare, dicono i maligni. Così Caldara non gioca per Musacchio, Castillejo non gioca per Calhanoglu ( il turco che gioca con la licenza di non passare la palla a Higuain), Laxalt non gioca al posto dell’impresentabile Rodriguez. Ah, a proposito: dov’era lo svizzero durante il cross di Vecino?


Lui si difende. Nellla conferenza prima della sfida di domani col Betis di Europa League con un “chiacchiere da bar”, ma… non nascondiamoci, c’è quel video: Ringhio vince lo Scudetto da giocatore a Roma, sale sulla balaustra degli ultras e lancia il coro contro l’allora allenatore dell’Inter Leonardo.

Sarebbe stato sciocco per l’ex Giuda esonerarlo subito, ha aspettato che Ringhio sbagliasse da solo e che i risultati deludenti raffreddassero l’amore della piazza per lui: che ora sembra aver solo 270′ per tenersi il Milan.