FLASH ⚡ CONTE E’ FURIBONDO PER ESSERE PARTITO PER L’ASIA SENZA ATTACCANTE: PRIMO GOL DI WANDA, SABATO LO FARA’ LUKAKU?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Μαυʀɸ Iϲαʀδι – MI9 (@mauroicardi) in data:


Doveva esserci almeno uno tra Dzeko e Lukaku. Invece oggi l’Inter è partita per la tournèe asiatica senza un vero attaccante, visto che Lautaro si riposa dopo le fatiche della Copa e Icardi è ad allenarsi ad Appiano (piano, Mauro: non ci riinfiammare il scinochio, eh!). Icardi da più di un mese è a conoscenza della scelta di Conte e del club, però non si è ancora trovato un’altra squadra.

Così Wanda è in vantaggio 1-0 su Conte. Respingono il Napoli e strizzano l’occhio alla Juve, poi fanno trapelare che resta due anni fermo. Frenando il mercato dell’Inter, che ha addirittura richiamato dalle vacanze il giovane Puscas: romeno che si è messo in luce nell’Europeo Under 21 ma che ha giocato l’ultima stagione in Serie B.


Le arrabbiature e i silenzi di Andonio di questi giorni hanno smosso le acque e infatti l’Inter ha già rifatto un’offerta allo United. Per tenere buono Conte Zhang ha già pagato Barella quanto Bobo Vieri, però si è rifiutato di dare 20 milioni alla Roma per Dzeko. Il giorno della verità sarà sabato, perché alle 13.30 italiane per ironia della sorte l’Inter giocherà proprio contro il Manchester UTD: se Lukaku dovesse giocare coi red devils Conte non sarebbe ironico neanche un po’.

WANDONA SCATENA LA BUFERA SUL RINNOVO CON L’INTER: ORA IL CLUB PUO’ VENDERLO E RIPARTIRE O ACCONTENTARE LUI PER SCONTENTARE IL GRUPPO

Tornano in ritardo dall’Argentina e l’Inter dà 100mila euro di multa al capitano, a questo punto Wandona si scatena e fa trapelare che non rinnoveranno: aprendo a un accordo ma mettendo sul tavolo quattro big europee. Insomma, la moglie e agente del capitano crea un caos e imbarazza la società:  Marotta e Ausilio avevano chiesto lo stop alle speculazioni mediatiche e cinepanettoni… ciao core! La risposta è che dall’Argentina e dalla Spagna rimbalzano indiscrezioni e dichiarazioni che farebbero infuriare qualunque dirigente, figuriamoci Beppe Marotta. Wanda lamenta un’offerta di rinnovo che l’Inter avrebbe stimato in circa 6 milioni. Poco più degli attuali 5,3. Pochi per chi, come lei, ne vuole 9 o 10 “come Higuain”. Come detto a Tiki Taka prima di Natale. Auguri.


Il “problema” è che la politica degli ingaggi dell’Inter non permette un simile “strappo” alla regola, e c’è perfino qualche ottimista che ritiene che il gioco del calcio sia praticabile anche senza le indubbie doti di Mauro. Ciò che non si vede, invece, sono queste “offerte” di club esteri. Che certamente non darebbero da subito al Canito il ruolo di capitano e giocatore simbolo.


L’Inter aspetta e riflette: Wanda spesso crea imbarazzi e sui media è immarcabile, addirittura più di suo marito in area. Lo spogliatoio potrebbe non prendere così male la partenza del capitano (eufemismo), in avanti si potrebbe giocare con Lautaro e, se ci fosse questa cascata di milioni di euro si potrebbero investire per potenziare la squadra con due o tre elementi.

WANDONA BATTE IL FERRO FINCHE’ E’ CALDO E UMILIA GLI INTERISTI: ICARDI A VITA ALL’INTER? NON LO SO… E SKRINIAR SI INFURIA PER ESSERE VALUTATO CINQUE VOLTE MENO DEL CAPITANO

Il ricco rinnovo tarda ad arrivare e Wandona umilia i fan dell’Inter in tv: “Rimane a vita all’Inter? Non lo so – dice Wuandissima -, non lo so” . Addolcendo poi la pillola con uno “speriamo” che suona più ipocrita delle scuse di suo marito ai tifosi dell’Inter chiamati “PEZZI DI M…”

Ah non si è mai scusato. Vabbè, la questione è un’altra ed è semplice. Icardi guadagna tanto ma vorrebbe guadagnare quanto Higuain. L’Inter non è dell’idea perché, con 10 milioni annui a Maurito c’è il rischio che in spogliatoio qualcuno come Skriniar dica “scusate, perché a me solo 2,2?”. E infatti il rinnovo del difensore che nel derby ha annullato el Pipita è fermo, perché lui non ci sta a guadagnare cinque volte meno del capitano.

Una situazione che sta per risolversi con qualche formula che noi possiamo solo immaginare, ma che ha creato qualche malumore e qualche grattacapo a Miss Tiki Taka: che se ne frega del fatto che suo maurito sia il capitano dell’Inter e agita lo spauracchio della separazione a gennaio, a meno che non le diano tutti i soldi che vuole.


Dopo la goduria derby la procuratrice del canito ha fiutato che l’aria era buona e gioca duro: oggi più che mai Icardi è l’idolo dei tifosi e lei non si fa remore a spaventarli con l’idea di una partenza. Per dove non si sa, visto che nessuno ha mai fatto offerte serie a lui e all’Inter, certificato anche da un Maestro del giornalismo come Bruno Longhi.