LAUTARO SCALPITA, UN ALTRO SACRIFICATO SULL’ALTARE DEI GOL DI ICARDI: CHE GIOCA SOLO DA UNICA PUNTA IN UN MODULO CON UN SOLO ATTACCANTE

“Mi alleno sempre al massimo ma non gioco”. Una storia già sentita per la quale la motivazione è sempre la stessa. Dal 20 dicembre 2015 Zhang ha deciso che Icardi è l’uomo immagine dell’Inter. Ne è il capitano e bisogna giocare sempre col modulo che lo esalti: tutti gregari e lui che spinge la palla in porta da unica punta. Zhang se n’è fregato pure di perdere una qualificazione Champions e a uno a uno ha cacciato i dissidenti, anche se  avevano portato l’Inter prima in classifica.

Precampionato pazzesco, stava per decidere la gara col Toro pur avendo giocato solo 3 minuti, decide quella col Cagliari con gol e assist di pregio, entra col Barcellona e va a fare pressing alto, ruba palla e la serve a Icardi che, invece di giocare di squadra, egoisticamente cerca e trova il gol. A conti fatti il suo unico giro a vuoto è stata la gara col Sassuolo. La prima della sua vita in Serie A, una gara in cui tutta la squadra ha giocato male perché Spalletti l’ha schierata con un modulo inedito e con un attaccante parcheggiato in area.

I wanditos gli hanno dato subito addosso: non solo gioca male lui, fa giocare male pure el canito perché gli toglie spazi in area. Però senza Icardi l’Inter quest’anno ha vinto 3 partite e ha segnato 10 gol, forse perché si può giocare più la palla senza dare riferimenti agli avversari: cosa che il parcheggiatore d’area di rigore fa spesso, prova ne è la sua ultima gara a Bergamo dove è stato umiliato da Djimsiti, che il capitano si è pure perso in marcatura in occasione del 3-1 che ha chiuso la gara.

Nainggolan forse sperava che l’Inter vendesse Icardi e lo rimpiazzasse con Dzeko, attaccante che è un suo amico e che “aiuta la squadra più di Icardi”. Perisic aveva proprio scritto a Dzeko, pubblicamente, invitandolo all’Inter. Insomma, un bell’ambientino nello spogliatoio, che probabilmente ha avuto qualche scossone dopo Inter-Barcellona e il mancato passaggio di Icardi a Perisic.

Sul 4-1 gli analisti diranno: boh, chissà che è successo con l’Atalanta. Così hanno spiegato le improvvise crisi dell’Inter, riaccese però sempre quando l’allenatore ha tolto Icardi dal campo, pagando questa scelta con l’esonero. E’ successo a Mancini, che senza Icardi aveva portato l’Inter in testa al campionato, senza Icardi ha battuto la Juve 3-0 , senza Icardi ha vinto 2-1 a San Paolo contro Sarri e, sempre senza Icardi ha battuto la Roma di Garcia. Insomma Icardi è fortissimo, ma pare si possa giocare a calcio anche senza.

Forse Icardi è geloso del fatto che Lautaro abbia già segnato con la maglia della Selección, forse è Wanda che non vuole altri attori sotto l’occhio di bue, fatto sta che i gol di suo maurito non bastano a spiegare perché sia sempre titolare fisso. Lo stesso Spalletti con la Roma si era inventato i tre pequeños: Salah, El Shaarawy, Perotti. Lo fece perché in quell’anno Dzeko non segnava neanche a porta vuota, ma la sua Roma volava sopra il Napoli. All’Inter Zhang non glielo permetterebbe, come lo ha impedito a Mazzarri, Mancini o Pioli: basta spiegare ai tifosi che non è l’Inter ma una squadra che deve giocare sempre con Icardi titolare e un modulo a una sola punta.

 

SPALLETTONE METTE ICARDI ALLA PROVA: SE VUOI 10 MILIONI BASTA DOPPIETTE AL CROTONE MA SEGNA IN FACCIA A MESSI. SENZA DI LUI L’INTER FA PIU’ DI 3 GOL A PARTITA

Il capitano in panchina a guardare i suoi seppellire di gol il Genoa. Wanda racconta la sofferenza. Per il mancato contributo alla vittoria? Forse, ma anche perché non si sarebbero prese le copertine dei giornali e perché il narcisismo di Maurito non è stato alimentato da altri gol facili che per il capitano valgono soldi in fase di rinnovo. Ma a questo punto entra in campo la sfida di Spallettone: vuoi l’ingaggio di Higuain? Segna in faccia a Messi.

Prima di essere un grande attaccante Icardi è soprattutto una persona fortunata. Lo provano i primi 90 minuti della sua prima gara di Champions stava cominciando malissimo. Col Tottenham l’Inter perdeva in casa, stava compromettendo la qualificazione agli ottavi e, soprattutto, lui si era parcheggiato proprio come Spalletti gli aveva detto di non fare.

Si parcheggiava in area, eh, non come quando metteva con arroganza la sua Lamborghini sul posto auto riservato ai disabili in via Montenapoleon (tanto io guadagno quanto il Pil del Molise e chissenefrega della multa).

Per provarvi che è fortunato vi raccontiamo di quando il Dio del Calcio ha squarciato il cielo e gli ha fatto fare una cosa che lui non fa mai: gol da fuori area. E che gol, uno di quelli che guardi e riguardi talmente è bello e impossibile. Perché Maurito è così: spesso in gara dorme e non lotta per i compagni, però poi c’è sempre il momento in cui il suo talento e la fortuna si incontrano. Lui ha dato spessore al gol di San Siro con un preziosissimo e bellissimo gol in Olanda.

Ma senza di lui l’Inter vince, segna una media di più di 3 gol a partita e  gioca pure meglio. La squadra può sfruttare i movimenti senza palla dei suoi e lo spazio in area è sgombro. Il gol nel derby è godereccio ma arrivato dopo altri 90 minuti bruttini in cui alla fine Icardi spinge in rete una palla che non sarebbe mai piovuta dal cielo se Rodriguez, Musacchio e Donnarumma non fossero andati al bar durante il recupero.

Non sappiamo se Messi giocherà e comunque la gara decisiva per l’Inter sarà quella di Londra col Tottenham, ma sono i numeri che condannano El Canito: quando non ha giocato l’Inter ha sempre vinto e ha segnato 10 gol in 3 partite e lui, come quando era in tribuna a Bologna, neanche esultava per i gol dei compagni. Fotografia di un rapporto che col gruppo non è migliorato di tanto, con gli Interić che restano sempre freddi di fronte a questo leader che sarà il cocco di Zhang jr ma non è detto sia apprezzatissimo da tutti gli altri.