E’ TORNATA L’INTER MORATTIANA MA L’UNICO A CUI NON DANNO CASH È AUSILIO PERCHE’ ARRIVA SABATINI

I giornalisti che gli stanno vicino a dicembre avevano fatto trapelare un aut-aut: o rinnova entro il 2016 o, visto che è in scadenza a giugno, non guiderà la sessione di mercato. Ci aveano detto che Zhang aveva già proposto ad Ausilio un rinnovo biennale a ottobre, poi congelato per il caso De Boer-Marcelino-Pioli. Ci avevano detto che il DS e l’allenatore fossero volati a Nanchino per parlare di calciomercato e per firmare questo benedetto rinnovo, che invece è stato rimandato ancora, e non si capisce a quando. Alcuni dicono a fine mercato, ma l’informatissimo Guarro parlava già di Marzo a inizio dicembre: praticamente sto rinnovo si rimanda come il closing del Milan.

ausilio

Ha bisogno di aiuto, Ausilio? Direbbe uno spiritosonoe, ma in mancanza di rinnovo con l’Inter i giornalisti che lo sentono fanno trapelare che ci potrebbe essere una pista che porta in Premier League, perché tanto quella è come un bicchier d’acqua e un tozzo di pane: non si nega a nessuno. Neppure a chi è stato sbertucciato in diretta da Wanda Nara con “a me e a Mauro le parole di Ausilio non sono piaciute”.

sabatini-3

Ausilio paga soprattutto aver lasciato la rosa con 29 giocatori in una stagione con una sola competizione: dettaglio che ha reso lo spogliatoio dell’Inter una polveriera con molti giocatori scontenti, spifferi e veleni.  Walter Sabatini non vede l’ora di tornare nel mondo del calcio e il fatto che sia libero e che abbia beffato proprio Ausilio su Salah per molti viene derubricato alla voce “casualità”. Se però avete più di 5 anni e se avete smesso di credere a babbo Natale o al caso questo dettaglio vi piacerà: Sabatini si è liberato a sorpresa a ottobre dalla Roma, più o meno nel periodo in cui ad Ausilio veniva detto che del rinnovo se ne sarebbe parlato più avanti, con calma…

INTER, PER CALLERI LA PISTA SI COMPLICA: AUSILIO TROVA L’ALTERNATIVA IN PREMIER LEAGUE

L’Inter sta cercando un esterno offensivo e piace il 22enne Jonathan Calleri del Boca Juniors. Se l’argentino ottenesse a breve il passaporto italiano, potrebbe vestire la maglia nerazzurra già a gennaio: ma vista l’insicurezza di questo cambio di status il ds Ausilio sta valutando anche delle alternative. Secondo quanto appreso in esclusiva da Telelombardia, lo Stoke City ha offerto all’Inter Ibrahim Afellay, olandese ex Barcellona.

image
Arrivato la scorsa estate nel club inglese proprio dai catalani, l’esterno d’attacco è reduce da una stagione non esaltante all‘Olympiacos (due reti in 19 presenze): in quella attuale ha giocato in 12 occasioni, ma raramente il tecnico Hughes lo ha schierato titolare (solo quattro volta in Premier League, dove è ancora a secco). Afellay puo’ essere un’occasione low cost per l’Inter: con un contratto in scadenza tra un anno e mezzo, io classe ’86 potrebbe arrivare in prestito con diritto di riscatto fissato a non più di quattro milioni di euro.

Davide Russo de Cerame
Giornalista sportivo di TeleLombardia, Antenna 3 e Top Calcio 24
@DRussodeCerame

 

IL PIANO DELL’INTER PER ARRIVARE A FALCAO: MA SU DI LUI CI SONO VALENCIA E MLS

A gennaio l’Inter tornerà sul mercato con l’obiettivo di chiudere almeno tre colpi, uno per settore. In attacco il direttore sportivo Piero Ausilio ha iniziato a sondare il terreno per Radamel Falcao. L’attaccante colombiano attualmente è in prestito al Chelsea, dove ha giocato appena 201 minuti in Premier League (8 presenze con un solo gol segnato), a cui vanno ad aggiungersi un paio di gare nelle coppe nazionali. Mourinho non vede Falcao, arrivato quest’estate dal Monaco, con cui ha ancora un contratto fino al 30 giugno 2018 (ingaggio altissimo di circa 18 milioni di euro netti a stagione). FALCAO2-742x417

Il club francese sta contribuendo in maniera importante al pagamento dello stipendio del classe ’86, fiduciosa che dopo il fallimento al Manchester United quest’anno la punta potesse rilanciarsi alla corte di Mou: il portoghese però ha deciso di rispedirlo al mittente e il Monaco, tramite Jorge Mendes, si è già messo alla ricerca per trovargli una nuova collocazione. L’Inter ci sta pensando, l’idea è allettante, ma l’ingaggio è di quelli improponibili: ecco perché se i francesi accettassero di pagare almeno metà delle mensilità da gennaio a giugno, l’Inter potrebbe anche pensare di prendere Falcao, che a quel punto ai nerazzurri costerebbe circa 4 milioni di euro netti. Ricordando l’operazione Podolski chiusa lo scorso gennaio, Ausilio potrebbe replicarla, con la speranza che il rendimento di Falcao però possa essere decisamente superiore rispetto a quello avuto dal tedesco con la maglia dell’Inter. L’altro problema è il Valencia e i Columbus Crew della Major League Soccer, che guardano al colombiano come una possibile stella da agguantare

 

Davide Russo de Cerame
Giornalista sportivo di TeleLombardia, Antenna 3 e Top Calcio 24
@DRussodeCerame