#DISCORSIDAVAR: PRIMO STORICO RIGORE CONTRO LA JUVE, AVEVANO RAGIONE I COMPLOTTISTI?

Incredibile, miracolo, ecco! In un momento milioni di complottisti calcistici italiani si sono sentiti in dovere di dire che avevano ragione. In tutta la scorsa stagione neanche un rigore era stato assegnato contro alla Juventus allo Jstadium e addirittura si deve tornare indietro di quasi due anni per ricordare l’altro penalty assegnato contro i bianconeri, quello di Ilicic durante uno Juve-Fiorentina del dicembre 2015!

Chissà nella scorsa stagione come sarebbero finite Juventus-Inter di campionato o Juventus-Napoli di Coppa Italia, ma non lo sapremo mai. La cosa che ci fa piacere è che nel 2017 ormai il Var è realtà, che le polemiche e gli errori non spariranno ma che almeno, di fronte a un rigore negato clamorosamente ci sarà la possibilità di tornare indietro e restare al giudizio oggettivo delle immagini.

L’anno scorso sono uscite furibonde dallo Stadium Inter, Napoli, Milan e Torino. Non può essere solo un caso, ci sono state delle decisioni arbitrali che hanno fatto discutere e che, alla fine, alla Juventus sono andate sempre bene.

Qualcuno protesta per il tocco di mano di Dybala in occasione del 2-0. Proteste meritate e piccolo errore dell’arbitro a non vederlo e a non voler rivedere le immagini. Però questo nel calcio non è eliminabile: l’errore umano c’è, come nel caso di Verona-Napoli: in cui il gol dello 0-1 è forse irregolare per un braccio napoletano sul portiere gialloblù.

#GRIGLIASCUDETTO: TUTTI DANNO PER MORTA LA ROMA, IL MILAN DEVE TEMERE LA STAGIONE LUNGA

Un anno fa abbiamo azzeccato il podio e previsto il Milan davanti all’Inter. Quest’estate tutti danno per morta la Roma, ma la squadra giallorossa ha in Di Francesco la sua unica incognita: il Napoli può insidiare la Juve ma la squadra di Allegri è comunque favorita per il settimo scudetto consecutivo (dovrebbe essere il numero 34). In zona Champions sarà una squadra di Milano a piangere. Il Milan si è rinforzato e ha ritrovato entusiasmo, ha in Montella una garanzia ma dovrà fare i conti con una stagione iniziata a fine luglio. L’Inter di Spalletti, senza coppe, ne può approfittare.

Ecco le griglie dei nostri amici su twitter, scrivici le tue